GPlast Rovigo

PVC

Riciclo del PVC: i limiti ed opportunità

Come tante altre materie plastiche, il PVC fa parte della nostra vita quotidiana.

Possiamo infatti riscontrarne l’utilizzo in molti settori: la maggior parte delle sue applicazioni riguarda l’edilizia, le tubature rigide o flessibili, i profilati, i serramenti e le pavimentazioni.

Ma non solo, è utilizzato anche nei cavi per circuiti elettrici o telecomunicazioni, nei nastri adesivi isolanti, in nastri trasportatori, in oggetti per utilizzo medico, dai blister per pastiglie ai tubicini flessibili per flebo.

E’ utilizzato anche per produrre films per packaging, carte di credito, scarpe, giocattoli, carta da parati, contenitori per liquidi, componenti per auto, articoli in similpelle ed innumerevoli altri prodotti.

Riciclo del PVC: le tre classi di rifiuti

  • I residui di produzione, ovvero scarti provenienti dagli impianti o dalle fabbriche produttrici di prodotti in PVC, ad esempio durante operazioni di taglio o calandratura. In questo caso il recupero è efficace grazie all’omogeneità di composizione rispetto al prodotto vergine e grazie all’efficienza del riciclo, in quanto si può selezionare e suddividere la qualità degli scarti a monte, prima del conferimento al recupero.
  • I residui da installazione, ritrovati in seguito alla posa di cavi, pavimentazioni, tubi, ogniqualvolta essi siano ridotti dalla dimensione origianle a quella che serve all’acquirente. In questo caso si può attuare un efficiente recupero organizzato dai fornitori di beni in PVC.
  • Recupero post- consumo, ossia alla fine della vita del manufatto, quando esso viene eliminato isnieme ai rifiuti domestici o industriali.

Riciclo del PVC: chimico e recupero energetico

I sistemi di riciclaggio del PVC si possono raggruppare in 4 tipologie: riciclo chimico, riciclo meccanico, recupero energetico, conferimento in discarica.

RICHIEDI PREVENTIVO

Compila il seguente form per richiedere i granuli in PVC, ti risponderemo il prima possibile.
Tutti i campi contrassegnati dal simbolo * sono obbligatori.

Acconsento al trattamento dei miei dati

Ai sensi del d.lgs n.196/03 i dati personali inviati saranno utilizzati in conformità col regolamento italiano.
I dati raccolti non saranno comunicati a terzi. Ai sensi dell'articolo 7 dlgs 196/03 è possibile avere accesso ai suoi dati e chiedere la cancellazione o la modifica all’iscrizione.

RIGENERAZIONE GRANULI PVC

Riciclo del PVC: il recupero energetico

I rifiuti in PVC che sfuggono ai circuiti di raccolta separata, finiscono negli impianti di termoinduzione, oppure in discarica. Gli impianti di incenerimento dei rifiuti devono essre dotati di sistemi di recupero energetico. Ovvero devono essere in grado di recuperare, sotto forma di energia termica o elettrica, il potere calorifico contenuto nei rifiuti.

Questa opzione di recupero è ormai convenzionalmente definita “termovalorizzazione”. Il contenuto energetico dei rifiuti è importante per ottimizzare il rendimento degli impianti di termovalorizzazione dei rifiuti.

Maggiore è il potere calorifico dei rifiuti, maggiore è la qualità energetica, termica o elettrica che l’impianto può produrre. Il PVC costituisce una piccola parte dei rifiuti domestici ma contribuisce comunque all’apporto energetico, in quanto il suo potere calorifico è intermedio fra quello della carta e quello del legno.