GPlast Rovigo

Rifiuti in PVC: classificazione e come riconoscerli

Tempo fa, vi era una differenza tra le applicazioni post-consumo a lunga vita e quelle a vita breve. I rifiuti in PVC venivano infatti classificati indue categorie: A e B. Ad oggi, l’attenzione è sull’uso del riciclato invece che sulla generazione di riciclato, non viene più utilizzata la classificazione secondo i tipi di applicazioni diversi.

Il sistema ritorna a guardare alle origini:

  • Post-consumo
  • Post-industriali

Viene fatta questa distinzione in quanto l’origine è una buona indicazione della qualità del materiale e del livello di rilavorazione necessaria. A sua volta, ciò impatta sull’emissione di CO2, durante il ciclo di durata di un prodotto.

E’ al riciclatore che spetta il compito di dichiarare la percentuale di materiale post-consumo e post-industriale contenuta nel flusso di rifiuti in arrivo. Gli ispettori della EuCertPlast, controlleranno i documenti e faranno dei controlli casuali per convalidare le percentuali dichiarate.

RIFIUTI IN PVC POST INDUSTRIALE

Si tratta di un mono-flusso, un materiale quasi puro, solitamente abbastanza pulito, dal colore unico e non il tipo solitamente trovato nei flussi di rifiuti generali. Arrivando da aziende come imprese di costruzioni, fabbriche di finestre o mobilifici, questo flusso di rifiuti è presente soprattutto a livello degli utenti professionali. Ecco alcuni esempi di materiali che possono essere dichiarati come rifiuti in PVC post industriale:

  • Scarti da installazioni di intelaiature di finestre e sfridi
  • Materiali per l’installazione di rivestimenti
  • Scarti di materiale da installazioni di tapparelle
  • Scorie di produzione di cavi
  • Sfridi fine-rotolo di film o di laminati

RIFIUTI IN PVC POST-CONSUMO

Questi rifiuti in PVC consistono in materiali misti, provenienti da applicazioni diverse e di molti colori.

Gli oggetti appartenenti a questa categoria ovviamente sono stati utilizzati (prodotti alla fine della loro durata), si presentano sporchi e con la possibilità di contenere tracce di altri materiali e sostanze.

Essi hanno bisogno di sforzi aggiuntivi di trattamento (assortimento ulteriore, pulizia, ecc..), sia da parte del raccoglitore-selezionatore, sia da parte del riciclatore, concludendo così il processo di riciclaggio.

Ecco alcuni esempi di materiali che possono essere dichiarati come rifiuti in PVC post-consumo:

  • Tubature rimosse dal suolo durante ristrutturazioni
  • Cavi rimossi durante demolizioni
  • Intelaiature di finestre rimpiazzate per ristrutturazioni
  • Cartelli pubblicitari
RIGENERAZIONE GRANULI PVC

Cosa produciamo noi di GPlast con il PVC:

granuli PVC rigeneratiGranulo PVC rigenerato per tubo corrugato.
Colori: grigio e nero | altri colori a richiesta.
granuli PVC rigeneratiGranulo PVC rigenerato per profili vari.
Colori: grigio e nero | altri colori a richiesta.
Gplast | Granuli in PVCGranulo di PVC rigenerato per cavidotto.
Colori: grigio e nero | altri colori a richiesta.
Gplast | Granuli in PVCGranulo di PVC rigenerato per tubi.
Colori: grigio e nero | altri colori a richiesta.
RICHIEDI PREVENTIVO

Compila il seguente form per richiedere i nostri granuli in PVC, ti risponderemo il prima possibile.
Tutti i campi contrassegnati dal simbolo * sono obbligatori.

Acconsento al trattamento dei dati sopra inseriti del Regolamento UE n.2016/679 sulla protezione dei dati personali consultabile QUI.